Tutti i motivi per aprire un E-commerce

La notizia non giunge nuova: il 92% delle Piccole e Medie Imprese italiane non crede nell’e-commerce come canale utile per ottenere un significativo guadagno. Il dato è frutto di una ricerca condotta da TNS per eBay e Confcommercio su un campione di 202 PMI di diversi settori, rappresenta concretamente il pericoloso detto “squadra che vince non si cambia“.

Perchè investire sul commercio elettronico, se con le vendite tradizionali si riesce a stare a galla? Lo studio è molto chiaro: l’88% delle PMI ritiene che un sito e-commerce sia poco o per niente utile ai fini del proprio business, mentre il 26% arriva addirittura ad affermare che questo possa diventare un ostacolo per il commercio tradizionale.

Risultati a tendere? Non è nel nostro stile! Principale freno a qualunque investimento negli shop online è la mancata certezza di un immediato guadagno: investire nella tecnologia, sponsorizzarla, fidelizzare il cliente e solo alla fine ottenere un risultato spaventa molti imprenditori, che vedono l’e-commerce come un investimento pericoloso e dai risultati incerti.

La chiave del successo è guardare al futuro. Siamo stanchi ormai di sentir ripetere come il web e le sue possibilità siano il futuro dell’imprenditoria. Il concetto, sotto forma di frasi fatte e luoghi comuni, è così trasversalmente discusso da diventare ormai una barzelletta. Però, non bisogna dimenticarsi che un fondo di verità c’è: per semplicità, immediatezza, pigrizia o amore verso la tecnologia, le nuove generazioni si stanno spostando inevitabilmente sul digitale. Pertanto, il passaggio online nel tempo sarà comunque obbligatorio. Perché non cercare di battere la concorrenza, e strutturarsi prima di tutti? Dopotutto, c’è chi dice sia già tardi…

Offri un servizio utile. Dallo studio di TNS risulta come l’e-commerce sia percepito come inutile o persino dannoso, una potenziale minaccia per gli affari conclusi tramite canali tradizionali. In realtà, aprire uno shop online significa ampliare il proprio raggio di azione. L’e-commerce deve infatti essere visto come uno nuovo modo di interagire con il proprio pubblico, fornendo a tutti i clienti nuovi strumenti e opportunità in aggiunta all’offerta finora conosciuta.

La gestione sembra troppo complessa? Non bisogna spaventarsi di fronte al cambiamento. La parte più difficile di un e-commerce è l’implementazione, quando cioè è necessario far conoscere il nuovo servizio. Fortunatamente, una buona agenzia è in grado di organizzare egregiamente anche questo aspetto.