APP

APProfondisci il mobile!

A cosa serve avere un’App? La domanda arriva sempre più spesso alle nostre orecchie. Stabilito che è necessario avere un’immagine coordinata, i nostri interlocutori più smart cominciano a pensare al proprio quadratino dedicato sugli smartphone.

L’app è uno strumento potentissimo: se bella, interessante e utile, può fare la differenza per il pubblico, e nel paragone con i competitor. Come capire quando è il momento di pensarci? Per nostra esperienza, ci sono realtà che vivono della presenza sul mobile con uno strumento dedicato, ma ci sono anche aziende per cui una app non rappresenterebbe altro che la copia del proprio sito.

Per questo abbiamo stilato la nostra personale checklist, ossia i cinque criteri da applicare alle realtà aziendali per capire se davvero è il momento di pensare all’apertura sul mobile.

  1. Brand Awareness – Inutile ripeterlo: gli strumenti di qualità aumentano l’autorità del brand sul mercato. Perciò sì, possedere un’app snella, funzionale e realmente utile per l’utente aumenta la percezione del tuo brand. Attenzione, questo non vuol dire che basta occupare il proprio spazio negli store digitali!
  2. Utilità – Rispondere a un’esigenza del proprio pubblico è sicuramente uno dei motivi principali per investire in un’app. Se lo strumento è utile, il pubblico lo premierà con un largo utilizzo: basta pensare all’app Park Your Bus, premiata lo scorso ottobre proprio per questo motivo.
  3. Aggiornamenti in tempo reale – La stampa di materiali cartacei ha dei noti limiti. L’app invece è un’altra storia, con aggiornamenti real time di prodotti, prezzi e comunicazioni dedicate. Per sfruttare queste potenzialità però, tante volte si fa riferimento a un e-commerce attivo. Altrimenti, un buon sito vetrina con un backoffice semplice da gestire, spesso è ancora la soluzione migliore.
  4. Visibilità – Il numero di ricerche negli App Store è elevatissimo, ed è un dato che non va preso alla leggera. Comparire tra i risultati di una ricerca mirata è come comparire nella prima pagina di Google a livello di pubblicità, purchè poi la app offerta sia all’altezza delle aspettative dell’utente.
  5. Crescita del mercato mobile – Strettamente legato alla visibilità è il discorso della crescita del mercato mobile, molto più veloce rispetto alla penetrazione di Internet stesso. Per questo molte aziende stanno virando sul mobile per i loro investimenti, a volte coinvolgendo anche strumenti come Whatsapp o WeChat nei propri piani di sviluppo.

Non va infine dimenticato che un buon sito è sempre ottimizzato per il mobile, quindi navigabile anche da smartphone e tablet. Pensare ad un’app non è quindi tamponare l’esigenza di essere raggiungibili da ogni strumento, ma deve essere una strategia ragionata all’interno del piano di crescita aziendale. Solo così un app potrà contribuire al successo della tua attività!